• Mi trovi su:

Ciao io sono Carlo, benvenuti nel mio Blog.

01.08.2015

Mr. Wolf, risolvo problemi.

 
27_winstonwolfe_pulpfiction
01 agosto 2015

Poco prima delle ferie tutti vogliamo toglierci le scocciature di mezzo.
E questa cosa succede a cascata, ti arriva una richiesta impossibile, ne gestisci il pezzo che riesci e poi cerchi qualcuno che ti aiuti – se sei onesto e serio – o a cui girare la patata bollente.
Succede spesso, non c’è niente di male a cercare una soluzione che ti permetta di salvare capra e cavoli ovviamente.
Questo post non vuole essere una lamentela (excusatio non petita diceva quello) ma piuttosto una riflessione su come vorrei gestire io, e chiaramente che vengano gestite dagli altri, le situazione del genere.

Quando mi capita una situazione critica del genere, in cui ho fretta, ho poca banda per portarla a casa e devo assolutamente portare a casa il risultato, la prima cosa che mi viene in mente di fare quando va scalata l’attività, è quella di mettermi in condizione di avere delle persone che riescano a lavorarci a proprio agio.

Quando penso ad a proprio agio penso a una cosa semplice.

Se ho poco tempo per raggiungere un risultato per un Cliente quello che voglio ottenere è il risultato.
Qualcuno direbbe che non mi interessa se il gatto sia bianco o nero, mi interessa che prenda i topi.

Quindi non questiono sulle tariffe che mi fanno in emergenza, non questiono sulle stime di tempo che fanno. Cerco di capire solo se ci sto dentro con quello che ho a disposizione. Perché mi rendo conto che se chiedo a qualcun altro di darmi la massima priorità con un brevissimo preavviso quel che succede è che dovrà favorire una mia richiesta rispetto a quelle che ha già sul piatto.

E siccome non penso di essere speciale, mi adeguo alle condizioni che mi chiede.

Lo faccio mica per etica assoluta, ma perché vorrei che si faccia così con me, o con noi.

E invece pare di no.

Pare che vada più di moda pensare che si possa contattare qualcuno all’ultimo minuto, mettendogli fretta per dare una risposta, avere un trattamento economico di favore e doversi sentire pronti a giustificare le proprie stime e i propri costi, anche emergenziali.

Ed è in questi casi che penso a Mr. Wolf.

Se a Mr. Wolf l’avessero chiamato chiedendogli di liberarsi del problema cadavere in Pulp Fiction, lui avesse mandato un preventivo e poi Jules e Vincent avessero cominciato a dire “… e vabe’ ma così tanto tempo ci vuole a farlo? Non possiamo averlo a un po’ di meno…?” credo che i due avrebbero avuto un problema più grosso da gestire.

Chiaramente parte del lavoro che facciamo è fare stime, farle avendo un po’ di agibilità per poi eventualmente abbassare con la magica arte della contrattazione.

Ma lo si fa sulla base di un reciproco rispetto.
Il rispetto del fatto che ci sia una stima corretta, ponderata e che tenga conto dell’emergenzialità – e questo da parte del consulente Mr. Wolf – e dall’altra parte il rispetto del lavoro e della professionalità altrui.

Se vuoi che ti risolva un problema, lo faccio a modo mio.

Se invece ti arrivano richieste che prevedono che tu debba battere i tacchi, fare un preventivo basso, dare priorità assoluta al progetto, ed essere anche sorridenti, credo ci sia qualcosa di sbagliato.

In questi casi preferisco, come ho già fatto, rinunciare alla commessa.

Perché se vuoi che ti risolva un problema, non puoi decidere il come, il quanto, il perché e persino quanto dovrei penalizzare gli altri con cui sto lavorando.

Non sei speciale.

 

-sid-vicious-sid-vicious-31661725-500-396

Siccome però voglio provare a portare anche un esempio positivo, negli ultimi giorni mi è anche successa un’altra cosa simile per modalità: serve un intervento di fretta.

A nessuno di questi altri interlocutori è venuta la malsana idea di porre condizioni. Anzi la fiducia è stata tale da chiederci un consuntivo del lavoro.

Ecco, non potremmo ripartire da qui?
Assomiglia tanto a costumer collaboration over contract negotiation o sono solo io?

  • seralf

    Sottoscrivo tutto, tanto che in più occasioni mi è capitato di avere davanti gente che rilanciava sul prezzo senza però venirmi incontro su altri elementi. In casi del genere capita che ti prendano per matto se rifiuti e magari -mi è capitato- sbuffano pure come delusi dal tuo atteggiamento! Sono dannosissimi quelli che magari sono disposti a pagarti molto bene ma per fare per loro al volo, senza rete, magari poco in linea con ciò che fai si solito o che sei interessato a fare, e soprattutto non a modo tuo ma loro.

    Sottoscrivo, è una questione di deontologia professionale: va poco di moda chiamarla così, ma di questo si parla. Sia pure nel mondo bizzarro e sopra le righe di Tarantino, Mr Wolf ha una sua caparbia serietà professionale, punto :-)

Category: Amenità
Category: Brand Strategy
Category: Co-Design
Category: Crowdfunding
Category: Customer Experience
Category: E invece no
Category: Experience Design
Category: Grillismi
Category: Hackathon
Category: Innovazione
Category: link
Category: Mobile
Category: Mobilità
Category: Open Source
Category: Paria inter pares
Category: photo
Category: quote
Category: regular
Category: Riflessioni
Category: Sicurezza
Category: Speech & Design
Category: Street Art
Category: Training
Category: Usability pills
Category: video
Category: we are nois3