• Mi trovi su:

Ciao io sono Carlo, benvenuti nel mio Blog.

29.06.2017

Bando agli spazi… più o meno

 
Home banking senza cura
29 giugno 2017

Succede spesso e non ci facciamo caso, ma a volte prestare attenzione a un dettaglio che sembra infimo può avere grande impatto sulle giornate delle persone. Per la serie How Might We? mi è venuta questa riflessione, che vi condivido.

Anno solare 2017. Interno giorno, Roma.
In macchina, ricevo una telefonata di mio padre. Trafelato e in ansia, come sempre ogni volta che quel che sta cercando di fare non gli va bene alla prima botta, mi farfuglia il fatto che ha un problema: deve rinnovare l’assicurazione e il bonifico non funziona.

Ho copiato l’IBAN dalla ricevuta dell’assicurazione, l’ho incollata nel sito di Intesa Home Banking e il programma mi dice che l’IBAN è sbagliato…

Potresti fare un salto tu all’agenzia oggi? Mi scade l’assicurazione. Così mi dice, con un po’ di perentorietà. Ci sta è in ansia.

Gli rispondo che avrò una giornata infernale e non sarei riuscito, mi faccio mandare però la ricevuta, perché il sospetto c’è.

Controllo la ricevuta, ovviamente l’IBAN è scritto con gli spazi. So già che il problema sarà legato al fatto che incollando l’IBAN distrattamente e inviando il bonifico gli spazi contano come carattere e l’IBAN risulta incompleto, fallendo la validazione.

Siamo abituati a questo tipo di errori commessi, ma con il lavoro che faccio mi pongo una questione di Service Design e di Esperienza Utente, anche se si tratta di un piccolo dettaglio tecnico.

Non aver previsto da parte della Banca una funzionalità per cui elimini (o non consideri) lo spazio all’interno degli IBAN formattati in maniera del tutto standard, implica l’aumento della fallibilità dell’operazione da parte dell’utente. È chiaramente un problema di implementazione tecnica ma è un elemento che impatta molto sulla progettazione e sul Design. In fondo tentare di ridurre le probabilità di errore delle persone, prevenendoli o facilitandogli la vita è esattamente il motivo per cui – tra le altre cose – facciamo dei test di usabilità.

Questo è uno dei (tantissimi) motivi per cui penso che una stretta collaborazione tra Sviluppatori e Designer dev’essere priorità delle aziende. Un piccolo extra-effort da parte dell’area sviluppo in questo caso avrebbe impedito a un utente con difficoltà motorie di mobilitare una persona per andare fisicamente in un’agenzia e pagare contanti una polizza integrativa da pochi euro.


Also published on Medium.

  • Alessandro Nasini

    Io continuo ad essere convinto che Sviluppatori e Designer non solo dovrebbero collaborare ma – molto prima, a monte – sviluppare alcune competenze di base condivise. Non può essere “lavoro da designer” immaginare come alcune semplici implementazioni del software possano ridurre drasticamente la probabilità di errori e non può essere “lavoro da sviluppatori” impostare la logica di base di alcune semplici applicazioni.

    Ovviamente, lungi da me l’idea che “tutti facciano tutto” (ci mancherebbe solo quello…), ma se non ci si intende su alcuni principi di base e non si comprendono i rispettivi contesti la collaborazione diventa facilmente più un buco nero che l’occasione per fare meglio..

    • http://www.nois3.it Carlo Frinolli

      Ovviamente sai che sono d’accordissimo Alessandro :) mi piacerebbe che diventi pratica comune, per la serie “mai più senza” farsi un bel meeting che esuli solo dalla “feasibility” che anche chissenefrega, ma che si esplorino soluzioni da spunti anche inaspettati. Alcune anime belle che conosco mi hanno già detto “ah ma perché in Italia non è così?”… ma insomma ognuno combatte nel contesto in cui vive :)

Category: Amenità
Category: Brand Strategy
Category: Co-Design
Category: Crowdfunding
Category: Customer Experience
Category: E invece no
Category: Experience Design
Category: Grillismi
Category: Hackathon
Category: Innovazione
Category: link
Category: Mobile
Category: Mobilità
Category: Open Source
Category: Paria inter pares
Category: photo
Category: quote
Category: regular
Category: Riflessioni
Category: Sicurezza
Category: Speech & Design
Category: Street Art
Category: Training
Category: Usability pills
Category: video
Category: we are nois3