Sono sempre stato un grande appassionato della street art, soprattutto per la sua natura assolutamente contingente e contestuale.
Non esiste l’opera senza il contesto che la ospita, che combatte – visivamente. Per questo, senza mezze misure, non posso che concordare con il gesto estremo e, credo, doloroso di Blu.